“Dalle radici dello champagne più autentico nasce Généalogie.
Un omaggio alla storia, alle origini lontane della nostra Maison, in una selezione dei millesimati delle nostre migliori vendemmie degli ultimi decenni.
Un’edizione limitata dedicata ai veri connaisseurs.”

Stéphane Revol – Presidente e CEO

Un omaggio alla storia

Alcune storie hanno radici lontane. Come quella della nostra Maison, che affonda le sue origini addirittura nel XIII secolo, quando nella Côte-des-Bars, nel territorio dell’Aube, fu piantato il primo ceppo di Chardonnay. È da quel momento che ha inizio nel cuore della Francia non solo la genealogia di Comte de Montaigne, ma quella di tutti gli champagne. Proprio la barbatella importata da Cipro e donata al cardinale di Troyes dal Comte di Champagne di ritorno dalle crociate, dà l’incipit alla tradizione della coltivazione di un vitigno destinato a cambiare per sempre il mondo della cultura enoica francese.

Généalogie si fa portatrice di un racconto che si dipana tra le pieghe del tempo, destinato a chi sa ascoltare.

L’altro Champagne, l’autentico

Ci sono voluti oltre sei secoli e una rivolta popolare per legittimare l’utilizzo della denominazione “Champagne” da parte delle bollicine  dell’Aube. Il motivo per cui la vicina regione della Marne è sempre stata erroneamente associata all’origine dello Champagne è infatti che i suoi produttori capirono per primi le potenzialità del vitigno di Chardonnay e impedirono per secoli ai vignerons dell’Aube di utilizzare la denominazione e di commercializzarlo.
Comte de Montaigne si fa ambasciatrice della storia di autenticità dell’“Altro Champagne”, quello dell’Aube, e le rende omaggio con Généalogie, il grande millesimato della Maison, la più alta espressione dei suoi valori fondanti.

“Généalogie:
la sublimazione del DNA Comte de Montaigne.”

Philippe Narcy – Chef de Cave

Le radici

Scendono dal collo della bottiglia e la avviluppano in un abbraccio che sa di terra, argilla, sassi. Sono le radici di Comte de Montaigne, che legano intimamente ogni nostra cuvée al cuore pulsante del terroir della Côte-des-Bars, nell’Aube. Nel loro diramarsi lungo il vetro, le radici sulla bottiglia di Généalogie esaltano lo stretto rapporto con la natura e con le più antiche fondamenta della Maison.

Come un prezioso frutto della terra,
quella unica e particolarmente vocata della Côte-des-Bars,
e di secoli di tradizione,
Généalogie affiora dall’avvolgente abbraccio della natura
e si svela al mondo.

Un’ode al punto zero

Celebrare la genesi nelle sue diverse declinazioni di significato – e dunque anche l’origine produttiva, l’atto della creazione non solo delle cuvée Comte de Montaigne, ma di tutti gli Champagne. Questo è uno degli impulsi alla base di Généalogie. Lo schiudersi delle prime gemme della vite, l’oscillazione dell’ago dell’afrometro che monitora l’andamento della prise de mouse, l’energia e il dinamismo che si sprigiona sotto forma di spuma al momento della sboccatura, la vivacità del perlage che si espande nel calice. Généalogie si fa portatrice di un’ode al “punto zero” e a tutti i momenti cruciali della vita di ogni champagne.

Una storia di autenticità, passione e creatività
sta per essere raccontata…

Uno sguardo al futuro

Questa edizione esclusiva, prodotta in pochi pezzi numerati, è un omaggio non solo alla secolare tradizione in cui affonda le sue origini Comte de Montaigne, ma anche alla sua storia più recente e al futuro. Concepita come un tesoro prezioso da tramandare alle generazioni del domani, come un involucro di storie del lontano passato,  Généalogie attraversa il tempo. Così come la Maison, che non dimentica mai le sue antiche radici, è rivolta oggi al futuro e all’innovazione.

L’annata 2008 si presenta in un delicato colore giallo cristallino con riverberi d’oro antico e un perlage fine e persistente.
Al naso è elegante e complessa, grazie al lungo invecchiamento sui lieviti. Note di brioche calda e aromi di crostata, vaniglia, miele, pasta di mele cotogne e scorza di cedro si susseguono con golosità.

In bocca è rinfrescante e leggera con piacevoli sensazioni  di agrumi gialli maturi e prugna. La schiuma è cremosa con un’elegante bollicina. Il terroir argilloso-calcareo conferisce una grande mineralità e un’eccezionale persistenza aromatica con belle note di arancia rossa

L’annata 2012 cattura lo sguardo con un prezioso vestito giallo pallido con riflessi d’oro antico. L’effervescenza persistente delle bollicine, esaltata dagli effetti di luce, regala una corona fine e persistente.
Al naso è elegante e complessa, a indicare un lungo invecchiamento sui lieviti. Note di brioche calda si combinano con aromi di Tarte Tatin, vaniglia, confettura di prugne gialle, miele di acacia, pepe bianco e cedro.

Al palato, l’annata 2012 è cremosa e rinfrescante.
Il dosaggio di 6g/L offre una grande vinosità di agrumi maturi e pesca bianca, con una ripresa delle note tostate.

Il terroir argilloso‐calcareo gli conferisce una grande mineralità e un’eccezionale persistenza aromatica.

Comte de Montaigne

Per visitare il sito è necessario aver superato l'età legale per il consumo di bevande alcoliche vigente nel relativo luogo di residenza. In assenza di età legale per il consumo di bevande alcoliche, è necessario avere più di 21 anni.

--

Effettuando l'accesso a questo sito, si accettano i termini e le condizioni di utilizzo e l'informativa per la privacy.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere in contatto con
Comte de Montaigne e ricevere le nostre news!